Menu Chiudi

Di seguito un pensiero del Maestro Ciro Araldi, referente del Kododan Judo Asola. 

Il Judo è in pericolo di ignoranza?
Chiese un grande compianto maestro ad un convegno circa 13 anni fa, riferendosi alla sua valenza educativa, perchè sempre più in pericolo di gare e medaglie.
Il problema è culturale, perchè comprendere a fondo il pensiero, la filosofia, e la proposta educativa del suo fondatore, è una sfida aperta, poichè il judo praticato oggi è quasi tutto ignorante sotto questo aspetto.
Jigoro Kano circa 1 secolo fa, convinse il ministero dell’educazione giapponese, che il judo era l’unica disciplina esistente che proponeva attraverso un’educazione fisica, morale ed intellettuale, una conseguente edificazione spirituale della popolazione.
Introdusse così un nuovo paradigma ( modello ) educativo, così il judo è stato introdotto in tutte le scuole del Giappone.
L’educazione morale e spirituale della popolazione però non ha realizzato progressi pari a quelli ottenuti dalla tecnologia, e in un momento di crisi economica e di valori come quello attuale, il futuro sarà sempre più un drammatico confronto tra educazione e caos.
Per essere un nuovo paradigma ( modello ) educativo, oltre lo sport, il judo oggi deve essere praticato ed insegnato oltre la competizione.
Il judo oltre lo sport, deve aiutarti a competere solo con te stesso, stimolandoti a diventare la tua miglior versione, impiegando al meglio l’energia fisica in ogni azione, e superando la paura del giudizio degli altri.
Questa a Mio avviso è la vera battaglia, e vale la pena intraprenderla.
Voglio anche ricordarti che il tempo che passi a praticare la disciplina intesa dal suo fondatore Kano, è lo stesso che impieghi a praticarla come uno sport.

Auspico che si crei un comitato medico sportivo-scientifico, serio e imparziale,che dimostri che il calcio, il primo sport a essere consentito nel dopo lock down, è uno sport di contatto quanto e più del judo, e non sia meno a “rischio di contagio” rispetto a tutte le altre discipline che dopo l’emergenza Covid-19 sono state frettolosamente classificate “Pericolose“.

Ciro Araldi

Scrivi
Ciao! Come posso aiutarti?